Il panico arriva nel momento in cui ci sono due parti di noi in conflitto tra loro. Apparentemente contrapposte, non trovano possibilità di dialogo e, spesso, il risultato è che ci troviamo sbilanciati verso una delle due, a discapito dell’altra.
L’attacco di panico arriva per segnalare che così non va bene: occorre trovare un modo più funzionale al nostro benessere, mediando cioè tra le due parti apparentemente contrapposte, in modo che possano coesistere e trovare una dialettica.
.
Dagli attacchi di panico si guarisce? La risposta è sì: le ricerche dicono che, attraverso la psicoterapia, guarisce il 90% delle persone che chiede aiuto.
Come? Nel corso della scorsa settimana abbiamo approfondito sul mio canale Instagram quattro passaggi nella terapia del panico:
1- Psicoeducazione: conoscere il sintomo;
2- Imparare a gestire il sintomo attraverso tecniche di auto-aiuto;
3- Ristrutturazione cognitiva, che aiuta a pensare in maniera più aderente alla realtà e meno ansiogena;
4- Lavoro psicoterapeutico sulle cause del panico, rendendo consapevole la persona e risolvendo le dinamiche psicologiche che ne stanno alla base.
.
Nelle stories in evidenza sul tema nella mia pagina Instagram ritrovate il tutto, compresi alcuni esempi di cause psicologiche, oltre che le risposte alle vostre domande. Di seguito il link per andare a vedere: